Vai al contenuto

Il ministro Síkela al Parlamento europeo: la presidenza ceca vuole ridurre la dipendenza dalle materie prime energetiche russe e sviluppare il commercio internazionale

Approfondire il commercio con partner affidabili in tutto il mondo attraverso accordi di libero scambio, eliminando la dipendenza da regimi ostili o instabili. A Bruxelles, il ministro dell’Industria e del Commercio Jozef Síkela ha presentato le priorità della Presidenza ceca nei settori dell’energia, del mercato interno, della protezione dei consumatori e del commercio internazionale davanti ai deputati alle commissioni. Anche il rafforzamento della sicurezza energetica è essenziale.

“Il piano REPowerEU ci consentirà di affrontare il forte aumento dei prezzi dell’energia e l’elevata dipendenza dell’UE dai combustibili fossili russi, ed è quindi la nostra priorità assoluta. Faremo ogni sforzo per raggiungere gli ambiziosi obiettivi stabiliti in questo pacchetto. L’efficienza energetica e lo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili sono una parte importante della riduzione della dipendenza energetica dell’UE dai combustibili fossili russi e del raggiungimento dei nostri obiettivi climatici “, afferma il ministro dell’Industria e del Commercio Jozef Síkela , aggiungendo: ” Continueremo i nostri sforzi per diversificare le forniture contribuire a raggiungere questo obiettivo, che tutti gli Stati membri avranno forniture per il prossimo inverno. Dobbiamo rafforzare il meccanismo della solidarietà e non lasciare indietro nessuno. “

Sarà anche essenziale agire sui chip, che dovrebbe prevenire una carenza di chip per le imprese nei paesi dell’UE in futuro e rafforzare così la resilienza dell’industria europea.

Un’altra priorità sarà l’approfondimento delle relazioni commerciali transatlantiche. La loro importanza è stata sottolineata dalla guerra aggressiva della Russia contro l’Ucraina. La cooperazione tra l’UE e gli USA è un prerequisito per la promozione di interessi strategici e la promozione di valori. “Tuttavia, nell’area del commercio, è primaria la Commissione Europea, che negozia con i nostri partner a nome dell’intera Ue. Vogliamo lavorare a stretto contatto con la Commissione e rafforzare o far avanzare il più possibile gli accordi con il Cile, il Messico e il blocco del MERCOSUR. È già stato firmato un accordo con la Nuova Zelanda ” , afferma il ministro .

Il commercio è diventato uno strumento geopolitico. In questa era di catene di approvvigionamento interrotte e prezzi in costante aumento, gli accordi commerciali possono aiutare ad alleviare i problemi e ridurre la dipendenza dai paesi in difficoltà. ” Questo è importante anche in connessione con la guerra in Ucraina, quando dobbiamo trovare fonti alternative di carburante, nuove fonti di materie prime strategiche, comprese quelle importanti per la trasformazione verde e digitale, e nuovi sbocchi per le aziende ceche “, afferma il ministro Síkela .

Una delle lezioni apprese dalla pandemia di covid-19 e dalla guerra in Ucraina è la necessità di garantire il funzionamento del mercato interno anche in tempi di crisi. Per questo attendiamo con interesse la proposta di introdurre uno strumento emergenziale per il mercato interno. Durante la risposta dell’UE alla crisi, garantirà coordinamento, solidarietà e coesione, aiutando così a risolvere le crisi future con un impatto sul mercato unico “, afferma il ministro Síkela , aggiungendo che data l’importanza del citato strumento, avviare quanto prima i negoziati su questa proposta in seno al Consiglio.

” Cercheremo inoltre attivamente di approfondire il buon funzionamento del mercato interno dell’UE per le sostanze chimiche e un elevato livello di protezione della salute umana e dell’ambiente rafforzando il sistema europeo di classificazione delle sostanze e la sua gestione “, afferma il ministro , aggiungendo: ” Visti gli obiettivi dell’UE nell’area della transizione ecologica e digitale per un’industria energeticamente efficiente e competitiva, siamo pronti a dare seguito ai negoziati sui documenti legislativi nel campo dell’armonizzazione tecnica e della normalizzazione, come la revisione del regolamento prodotti da costruzione. Vogliamo anche completare i lavori sulla bozza di regolamento sui prodotti di ingegneria per aumentare la fiducia nella qualità dei prodotti sul mercato europeo “.

Una proposta prioritaria nel campo della tutela dei consumatori, che rafforza tale tutela nel mondo digitale, è anche il regolamento sulla sicurezza generale dei prodotti o la direttiva sul credito al consumo. Il compito della Presidenza ceca sarà quello di condurre negoziati che portino a regole chiare che tutelino i consumatori e allo stesso tempo non appesantiscano inutilmente i produttori con la burocrazia.

Fonte: CIANEWS